La Basilica Cattedrale

La costruzione, opera dell’architetto romano Florestano di Fausto, iniziata nel 1952, fu aperta al culto nel giorno dell’ascensione del 1961. È uno stile romanico modernizzato, a tre navate. Nella sua semplicità e purezza di linee architettoniche è un vero monumento di fede e di arte, in fondo alla navata centrale, sotto il tiburio, si apre l’ampio Presbiterio, fiancheggiato in alto, da due matronei e dal maestoso organo. Sotto, il semplice e moderno Coro in legno di noce e radica di olivo. Addossato alla parete di fondo si innalza il monumentale Trono dove è collocata la taumaturga immagine della Madonna. È una bellissima pittura, su due tavoloni di pino, della fine del sec. XIII: una delle più belle immagini di Madonne italiche. L’opera è comunemente attribuita a Montano d’Arezzo, pittore della corte angioina. Il Trono si compone di marmi pregiati policromi, antichi e moderni, e di statue e bassorilievi di bronzo, su uno sfondo di mosaico monocromo, opera di J. Hainal.